Premio poesia Fauno 2013

 

   
 

Un pomeriggio ad alto contenuto culturale e umano quello passato sabato 23 Febbraio 2013, in occasione della cerimonia conclusiva della XV edizione del Premio di Poesia “Fauno”. Oltre le tante ed emozionanti poesie protagoniste dell’evento, insieme a belle figure di poeti che si sono messi in gioco per comunicare le loro emozioni alla gente, ci sono stati momenti particolarmente interessanti come quando il Prof. Maurizio Bignardelli, del Conservatorio di Latina, ha suonato al flauto "SYRINX" (o il Flauto di Pan) di Claude Debussy (1913) e con le danze folkloristiche dell’Ass. Chiarantana eseguite dall’insegnante Chiara Bettinali e dall’aiutante Maria. La manifestazione culturale si è tenuta presso il Centro Commerciale “Sedici Pini” grazie alla sensibilità ed alla lungimiranza del direttore Modestino Meoli. L’associazione Culturale Tyrrhenum, organizzatrice del Premio, ha inteso portare alle folle che il sabato pomeriggio invadono i grandi centri commerciali, una proposta culturale finalizzata ad accostare più persone possibile all’arte ed all’amore per il proprio territorio, migliorando, così, la qualità della vita. Nella bella sala messa a disposizione si sono ritrovate oltre cento persone per seguire questo tradizionale concorso di poesia dedicato all’oracolo, ricordato anche da Virgilio nell’Eneide, che aveva dimora nel nostro territorio. Il mese di Febbraio è stato scelto perché il 13 era il giorno in cui veniva festeggiato. I poeti hanno letto le loro poesie con alle spalle un grande fondale con l’immagine dell’Antro di Fauno, che si trova in località Solforata (l’antica Albunea), un luogo molto suggestivo, destinato in futuro ad avere grande importanza dal punto di vista turistico/culturale. La giuria era composta dal professore e giornalista, Antonio Sessa; dal professor Maurizio Bignardelli; dal funzionario dei Beni Culturali, Maria Pia Giorgio; dal rappresentante dell’ass. Tyrrhenum, Ernestro Mastromattei; e dallo scrittore di fama internazionale e responsabile del periodico culturale Pomezia-Notizie, Domenico Defelice.

 

Infine, c’è stata la proclamazione dei vincitori: al terzo posto “Tuo” di Stefania Bellavia; al secondo “Specchio” di Fabio Pellegrini; al primo “Pensiero” di Andrea Fabbrizzi, con la motivazione: “l’autore sa riportare in versi sensazioni e sentimenti. La quiete della sera è spesso per tutti noi un momento di ricordi. L’autore riesce ad esprimerli in maniera profonda, attenta e … tutto diventa poesia”.

 

Hanno partecipato, ricevendo anche menzioni speciali: Sergio Montefiore, Paolo Brama, Maria Pia Giuliani, Maurizio Di Primo, Maria Celina Ibba, Maria Lamattina Tosatto, Francesco Fatone, Pompeo Conte, Fiorella Giovannelli, Simone Rossi, Federico Di Spirito e Annamaria Pagliarini. Da segnalare che è stata molto simpatica la distribuzione degli attestati, sia per i siparietti che spontanei si manifestavano con la presentazione e sia per l’emozione vera che scaturiva dalla lettura delle poesie, molto bella e coinvolgente quella di Francesco Fatone. L’immancabile rinfresco ha chiuso la serata, insieme all’arrivederci per l’edizione 2014.